I prova open di qualificazione nazionale

Lo scorso weekend ben otto schermidori del CUS Pavia sono stati impegnati nella prima prova di qualificazione nazionale: il primo atto del percorso che porterà i migliori quaranta atleta di ogni arma a confrontarsi sulle pedane dei Campionati Italiani Assoluti, in programma a Napoli nel Giugno del 2020.
Per le gare di spada maschile e femminile i nostri atleti hanno dovuto superare un’affollata prova di qualifica regionale. Nella spada maschile i qualificati del CUS erano Giacomo Dacarro ed Emilio Pili, oltre a Matteo Beretta già qualificato di diritto in virtù della sua posizione nel ranking nazionale. Per le ragazze invece a strappare il pass per la prova nazionale è stata la cadetta classe 2004 Sara Greppi. Nei due giorni dedicati alla spada, gli atleti pavesi sono stati seguiti a fondo pedana dal maestro Gianni Muzio.
Nella gara di spada maschile di Venerdì, con circa 400 atleti in gara, Dacarro e Pili superano il primo turno di gironi all’italiana, ma si fermano al primo incontro di eliminazione diretta. Molto più lungo, invece, il percorso di Matteo Beretta. Superati i gironi con sei vittorie in sei incontri, il nostro istruttore continua la serie di vittorie con quattro turni di eliminazione diretta superati. Passato con qualche brivido l’incontro del tabellone dei 32, vinto 15 a 14 contro lo spadista di Brindisi Pietro Rinaldi, Matteo Beretta viene fermato nell’incontro che vale l’ingresso nella finale a 8. L’esperienza di Beretta non basta per fermare il genovese Filippo Armaleo, classe 2002, che proseguirà la sua gara fino al secondo posto finale. Classifica finale che vede Matteo Beretta al dodicesimo posto, un piazzamento che è già una seria ipoteca per guadagnarsi un posto ai Campionati Italiani Assoluti, oltre a garantire l’accesso diretto alla seconda prova Open, senza passare dalle qualifiche regionali.
Nella gara di Sabato è scesa in pedana la giovanissima spadista Sara Greppi, alle primissime esperienze con le gare della categoria assoluti. Sara sorprende quasi tutte le avversarie del girone all’italiana, concludendolo con ben cinque vittorie e una sola sconfitta e guadagnando il passaggio del girone e del primo turno di eliminazione diretta. Il percorso di Sara, purtroppo, si interrompe nel tabellone delle 128, ma il suo 76° posto finale su più di 260 atlete in gara è sicuramente un risultato molto promettente per la nostra cadetta. La giornata di Domenica, invece, ha visto impegnati gli sciabolatori, seguiti dal nostro istruttore Alessio Esposito.
Tre i pavesi in gara: Anita Fraccaro, Davide Berto e Daniele Savio. La sciabola non prevede, per la prima prova open, la qualifica regionale. I nostri atleti si trovano quindi subito impegnati nella gara nazionale con i migliori atleti del ranking italiano. Nessuno dei nostri atleti riesce a superare il girone, ma la prova nazionale è servita senz’altro per fare esperienza. Per i due atleti più giovani, i classe 2003 Anita Fraccaro e Davide Berto, l’occasione per rifarsi si presenterà già il prossimo weekend nella gara cadetti. Per tutti gli altri il percorso riparte dalla prossima prova regionale.

Giacomo Dacarro

Foto di TRIFILETTI Andrea / BIZZI TEAM


Leggi anche...

Cronaca semiseria dell’Adige Marathon 2019, ovverossia a Pescantina nel 2019 in attesa di Osaka 2020

Bene Lorenzo Friuli al Miglio Città di Milano

Rugby Serie C - prima giornata: vittoria in casa con la Pro Recco

Il CUS Pavia ospita la prima prova regionale Under10 e Under8

TERA 2019

Rugby Serie A femminile: terza vittoria di fila per le Rocce