Agli Italiani Polotto vicina al personale nel salto in alto. Al Meeting Città di Piacenza il mezzofondo in grande forma.

Agli italiani juniores e under 23 una delle nostre punte di diamante, la saltatrice in alto junior Gloria Polotto, si è piazzata 5^ con 1,71 nel salto in alto. Dopo la misura di ingresso ad 1,55 ha fatto un percorso netto fino a 1,65; 1,68 è stato saltato alla seconda e 1,71 alla prima prova. Vani purtroppo i tentativi a 1,74, che le avrebbero consegnato il nuovo personale. Per avanzare in classifica invece sarebbe servito almeno 1,76. Non è andata come ci aspettavamo ma con febbre e mal di gola sarebbe stato impossibile fare meglio. Questa è la sentenza alla fine di una gara di grande sofferenza fisica per le nostre Martina Gambuzza e Francesca Ferri. Senza questo imprevisto l’obiettivo sperato del 4° posto nei 3000sp sarebbe stato a portata. L’anno prossimo si tornerà con la consapevolezza di poter essere protagoniste.

La serata a Piacenza è partita in modo dolce con il 400 di Letizia Bottani concluso in 1’05″78, alla quale è mancata un po’ convinzione nella seconda curva. Subito dopo, prima esperienza nei 1500 per Federico Carrà, apparso un po’ disorientato in una distanza mai corsa. Il suo 4’28″37 è un punto di partenza ed è ampiamente migliorabile. Il finale di serata è stato un crescendo rossiniano, grazie alla super prestazione di Irene De Caro che stampa un 5’00″90 nei 1500 (12″ di miglioramento, 7^assoluta e 3^allieva) che rappresenta il suo secondo minimo per i Campionati Italiani allievi. Dietro di lei si è migliorata anche Sara Marostica, scesa a 5’09″59. Una convalescente Martina Gambuzza, ha poi avuto la forza di demolire il personale nei 3000 con parziali in crescita (ultimo km 3’32), piazzandosi 2^ in 10’52″06 grazie ad una bella volata.

Marcello Scarabelli


Leggi anche...

Rugby Under 16 : Trofeo LUIGI ROSSI in bacheca!

Trasferta trionfale a Brescia per la sezione canoa

Torneo Intercollegiale di Beach Volley maschile: vince il Volta

Torneo Intercollegiale di Calcio a 7 femminile: vince il Golgi