Francesco Leone si conferma tra i migliori Under 20

La seconda prova del Campionato Italiano Giovani è andata in pedana nel terzo fine settimana di marzo nel Pala FIB all’EUR di Roma, con ben 1.026 schermidori in gara per staccare il biglietto per la prova finale, in calendario a Lecce dal 24 al 26 maggio, in cui verranno assegnati gli ambiti scudetti tricolori per gli Under 20. Infatti alla prova unica del Campionato Italiano Under 20 partecipano solamente 42 schermidori per arma e per genere; dalle due prove ottengono la qualificazione i primi 26, mentre dalla Coppa Italia in prova unica provengo i restanti 16 tiratori per specialità; la prova di appello, la Coppa Italia, è quindi la competizione che si disputerà dal 3 al 5 maggio a Casale Monferrato. No problem per i due allievi di punta del maestro Federico Meriggi: entrambi gli spadisti cussini Francesco Leone e Marta Lombardi conseguono la qualificazione diretta per i nazionali di Lecce, in virtù della somma delle due prove di qualificazione. Sono state sette le lame pavesi in gara: tre spadiste e quattro spadisti con la tuta gialla del CUS Pavia Scherma. Il migliore risultato dei pavesi nella seconda prova per gli Under 20 viene dallo spadista Francesco Leone, classe 2000, che chiude con un probante ottavo posto nella classifica finale, che ha visto ben 350 spadisti in gara. Vero è che i nati nel 1999 sono all’ultimo anno tra gli Under, ma i protagonisti e gli avversari più temibili per la maglia azzurra del pavese Francesco Leone sono ora i nati nel 2002 e 2003; proprio un nato nel 2003, il torinese Simone Mencarelli si è affermato con merito. Per la migliore lama pavese un percorso lungo e netto sino a quarti di finale, quando il cussino Francesco Leone ha lasciato la pedana solamente dopo il minuto supplementare e con il minimo scarto di 13 a 12 davanti al nazionale Alessio Preziosi, imolese ora con i colori della Società Milano Scherma, che chiuderà al secondo posto nella prova di Roma. Per rendere merito alla prestazione e alla fatica dello schermidore cussino, ricordiamo le cinque vittorie nel girone di qualificazione e le cinque vittorie nel Main Draw su Pietro Nicoli di Castelfranco Veneto per 15 a 4, su Giacomo Favaretto della Pro Novara per 15 a 2, su Filiberto Tasca della Pro Patria di Milano per 15 a 13. Il match perfetto è stato sul nazionale Marco Balzano, casertano e ora con il Gruppo Sportivo dei Carabinieri Roma, quando il cussino Francesco Leone ha pressato con grande intelligenza schermistica il qualificato avversario, per anticiparlo nelle ripartenze e affermandosi nettamente e con pieno merito per 15 a 9. Negli ottavi di finale lo spadista pavese Francesco Leone non ha mostrato alcun calo fisico e si è imposto sul campione siciliano Sergio Manzoni, di Acireale, con il punteggio di 15 a 12.
Da elogiare la prestazione del cussino Marco Malaguti, classe 2001, che ha ottenuto il 56° posto finale, cedendo il passo in un incerto assalto terminato all’ultimo punto, per 15 a 14 a favore del napoletano Alessandro Cammarota. Per il diciasettenne cussino Marco Malaguti quattro vittorie nelle qualificazioni e una vittoria nel Main Draw sul leccese Giorgio Lombardi. Il cussino Stefano Pozzi si è classificato al 164°, nel primo 50% dei partecipanti, con un buon avvio con tre vittorie nelle qualificazioni, ma la sconfitta nel primo match del Main Draw davanti all’esperto pentathleta modenese Enrico Magnani. Mentre per il quarto Under 20 cussino in gara, Luca Sala Gallini, classe 2001, la gara termina con le qualificazioni e una sola vittoria conseguita, con il 280° posto finale; per il diciassettenne spadista gialloblu all’esordio tra gli Under 20 l’obiettivo era acquisire esperienza agonistica per la prossima stagione.
Le tre valenti Under 20 cussine sono state Silvia Greco, la migliore pavese nella circostanza con il 20° posto finale, Marta Lombardi al 22° posto e Teresa Paravella 104° classificata tra le 260 spadiste in gara. Tuttavia è per ora solamente la diciasettenne Marta Lombardi ad entrare direttamente, dopo le due prove Under 20, ai nazionali Giovani di Lecce, mentre per Silvia Greco e Teresa Paravella vi è la possibilità della Coppa Italia per qualificarsi alla finale nazionale. Vittoria, come da pronostico, per la vercellese Federica Isola, due volte campionessa europea Under 20, ma in grande spolvero la scuola di spada del CUS Pavia Scherma e meritata soddisfazione per lo Staff Tecnico con gli Istruttori Matteo Beretta, Francesco Malvezzi, Federico Bollati e per il Direttore Tecnico maestro Federico Meriggi. Inizio davvero eccellente nelle qualificazioni con sei vittorie per Silvia Greco, cinque vittorie per Marta Lombardi e quattro per Teresa Paravella. Il fine gara per la cussina Silvia Greco avviene per mano della esperta torinese Ginevra Consonni, mentre Marta Lombardi viene fermata dalla emergente spadista di Bresso Arianna Scollo, classe 2004, e Teresa Paravella cede con il minimo scarto, per 15 a 14, davanti a Emilia Fascinelli della Bentegodi Verona.

Gianandrea Nicolai


Leggi anche...

Canottaggio: esperienza e gioventù

Nella Tana del Geco per la penultima gara del circuito “Presa in giro”

Ottime prestazioni delle lanciatrici

Esordio vincente per lo sciabolatore Chiappini

Torneo Intercollegiale di Pallavolo femminile